CV Alberto Gavini

Aumentar Tamaño del texto Disminuir Tamaño del texto

 Alberto Gavini ha conseguito nel 2008 il titolo di dottore di ricerca in storia antica e archeologia presso l’Università degli Studi di Sassari con una tesi dal titolo “I culti orientali in Zeugitana”. Ha poi conseguito nel 2009 un Master in Culturas y Lenguas de la Antigüedad  presso l’Universitat de Barcelona. I suoi ambiti di ricerca sono l’archeologia e l’epigrafia delle province romane. Ha partecipato a campagne di scavo archeologico a Roma (santuario ‘siriaco’ del Gianicolo, 2005-2006), in Francia (Sallèles d’Aude, 1995; Glanum, 2006-2007; Ruscino, 2009), in Spagna (Emporion/Emporiae, 2005; Cales Coves, 2010), in Romania (Ibida, 2014-2015) e in Tunisia (Uchi Maius, 1996-2000, 2005).

Dal 2010 al 2012 (24 mesi) è stato borsista di ricerca della Regione Autonoma della Sardegna con una ricerca dal titolo “I culti orientali nell’Africa romana. Archeologia ed epigrafia”.

Tra il 2012 e il 2015 (circa 40 mesi) è stato assegnista di ricerca del Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione dell’Università degli Studi di Sassari per i seguenti progetti di ricerca: “Servi e liberti nella Sardegna romana: analisi comparata delle fonti letterarie e giuridiche e delle testimonianze archeologiche ed epigrafiche”; “Nuove tecnologie applicate alla ricerca epigrafica: rilievo e restituzione grafica, analisi testuale e prosopografica di una selezione delle iscrizioni della Sardegna antica”; “Nuove tecnologie per il rilievo e la ricostruzione virtuale di monumenti dotati di corredo epigrafico in contesti urbani ed extraurbani della Sardegna”.

È stato docente a contratto dell’Università degli Studi di Sassari con gli insegnamenti di Archeologia e topografia dell'Africa romana e Archeologia classica.

Fa parte del Comitato scientifico dei convegni internazionali “L’Africa Romana”.

Fra le sue pubblicazioni si possono citare i seguenti titoli:

1.    Epigrafia e archeologia a Uchi Maius tra restauro e nuove scoperte (con Mustapha Khanoussi e Attilio Mastino), in L’Africa romana. Atti del XIX convegno di studio, Sassari-Alghero 16-19 dicembre 2010, a cura di M.B. Cocco, A. Gavini, A. Ibba, Carocci, Roma 2012, pp. 2815-2827;

2.  La Cova dels Jurats (Calescoves, Alaior, Menorca)(con Margarita Orfila Pons, Elena Sánchez López, Mario Gutiérrez Rodríguez, Purificación Marín Diaz), in XVIII CIAC: Centro y periferia en el mundo clásico, J.M. Álvarez, T. Nogales, I. Rodà, (Eds.), Mérida 2014, pp. 463-466;

3.   Nuove tecnologie applicate alla ricerca epigrafica: alcuni esempi (con Salvatore Ganga e Marilena Sechi), in L’Africa romana. Atti del XX convegno di studio, Alghero 26-29 dicembre 2013, a cura di P. Ruggeri, Carocci, Roma 2015, pp. 1561-1584;

4.      Lychnologica ruscinonense: le lucerne fittili di Ruscino, in Studi su Ruscino, Barcelona 2016, pp. 207-251.

CONTACTO:
Instituto de Cultura y Tecnología. C/ Madrid, 128. Despacho 14.1.03. 28903 Getafe-Madrid
Telf. 34 91 624 92 65/Fax. 34 91 624 92 64
mail: icyt@uc3m.es